ICI

Categoria: Immobili
Mittente: Francesco Mariani

ICI

IMPOSTA COMUNALE sugli IMMOBILI


= LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO: Decreto Legislativo 30 dicembre 1992, n. 504
= PERCHE’ SI PAGA: un tributo statale che grava sui fabbricati e sui terreni agricoli ed edificabili della Repubblica Italiana; è un imposta sul patrimonio immobiliare.
= CHI PAGA: Soggetti passivi dell'imposta, anche se non residenti nel territorio dello Stato o se non hanno ivi la sede legale o amministrativa o non vi esercitano l'attività, sono:
 il proprietario dell'immobile;
 il titolare di un diritto reale di usufrutto su un immobile;
 il titolare di un uso su un immobile;
 il titolare di un abitazione;
 il titolare di un enfiteusi;
 il titolare di un superficie;
 il titolare di un locatario finanziario su un immobile;
 il concessionario di beni immobili insistenti su aree demaniali.

= MODALITA’ DI APPLICAZIONE DELLE TARIFFE:
 Per gli immobili (terreni o fabbricati) regolarmente iscritti in catasto il valore è costituito da quello che risulta applicando alla rendita catastale vigente al 1° gennaio dell'anno di imposizione, come determinata dall'Agenzia del Territorio competente, rivalutata del 5%, i seguenti moltiplicatori:
o 100 - per gli immobili appartenenti al gruppo A (abitazioni di vario genere con esclusione della categoria A/10) e C (magazzini, laboratori, ecc. con esclusione della categoria C/1);
o 140 - per gli immobili appartenenti al gruppo B (scuole, ospedali, biblioteche, ecc.);
o 50 - per gli immobili appartenenti alla categoria A/10 (uffici e studi privati) ed al gruppo D (alberghi, opifici, banche, ecc.);
o 34 - per gli immobili appartenenti alla categoria C/1 (negozi e botteghe);
 Per gli immobili di interesse storico o artistico ai sensi dell'articolo 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42, e successive modificazioni, la base imponibile è costituita dal valore della rendita catastale, determinata mediante l'applicazione della tariffa d'estimo di minore ammontare tra quelle previste per le abitazioni della zona censuaria nella quale è sito il fabbricato;
 per i fabbricati, diversi da quelli indicati al punto precedente, non iscritti in catasto, è necessario far riferimento alla rendita catastale proposta secondo la procedura DOC-FA;
 per i fabbricati del gruppo catastale D non iscritti in catasto posseduti interamente da imprese e contabilizzati distintamente, il valore è calcolato direttamente partendo dal costo risultante dalle scritture contabili al lordo delle quote di ammortamento maggiorato con l’applicazione di appositi coefficienti di attualizzazione; questa procedura deve essere utilizzata fino al 31 dicembre dell'anno in cui viene attribuita la rendita catastale.
= PERIODO D’IMPOSTA: dal 1 gennaio al 31 dicembre.

Inviato il:  Mon, 01-Sep-2008, 16:37